mercoledì 19 settembre 2018

Recensione | "U4 - Koridwen" di Yves Grevet


Buongiorno lettori, oggi torno sul blog per parlarvi del romanzo "U4 - Koridwen" di Yves Grevet, edito dalla Garzanti. Voi lo avete letto?

U4 - Koridwen | Yves Grevet
292 pag. | Garzanti
01 marzo 2018 | Link d'acquisto
3.99 € (ebook) | 16.90 € (cartaceo)

Il mondo è popolato solo da adolescenti che hanno tra 15 e 18 anni: gli unici sopravvissuti al virus U4. Koridwen vive in una fattoria isolata in Bretagna dove, da sola, prova a rimettere in piedi la propria vita. Fino al giorno in cui tutto cambia. Fino al giorno in cui scopre di essere la prescelta per fermare il virus nella sua corsa mortale. Koridwen non capisce perché abbiano scelto proprio a lei, ma non può non rispondere al misterioso appello che ha ricevuto da Khronos, il game master di Warriors of Time, il videogioco online di cui era appassionata prima della catastrofe: deve trovarsi il 24 dicembre a mezzanotte sotto l’orologio più antico di Parigi. Spetta a lei salvare il mondo. Koridwen ha paura, eppure sa che c’è una sola cosa che può darle la forza di affrontare il suo destino: la lettera che la nonna le ha lasciato e che le rivelerà il segreto che si nasconde nel suo nome. Quello che trova arrivata nella capitale francese è una realtà totalmente nel caos: il cibo scarseggia, le comunicazioni sono impossibili, non c’è elettricità e i monumenti più importanti della città sono stati presi d’assalto. Koridwen deve fare di tutto per proteggere la sua vita e raggiungere il luogo dell’appuntamento. Ma non è sola. Con lei altri tre ragazzi, altri tre prescelti: Jules che ha tra le mani segreti che non può svelare; Stéphane, convinta che il padre medico non sia morto; e Yannis, assetato di vendetta per la morte della sorellina. Insieme sono l’unica speranza di salvezza per l’umanità. Non c’è tempo per la paura, i dubbi, le incertezze: anche se sono solo quattro ragazzi devono sfoderare il loro coraggio e tutte le loro risorse. Perché nessuno sa cosa li aspetta. Nessuno sa cosa dovranno affrontare. Nessuno sa perché è toccato proprio a loro. L’unica cosa sicura è che il futuro è nelle loro mani. Un caso editoriale strabiliante che arriva dalla Francia e che ha ammaliato i librai: 200.000 copie vendute in un mese e sempre in vetta alle classifiche. Koridwen è il primo libro della saga che ha fatto impazzire i lettori d’Oltralpe: quattro volumi, quattro autori diversi, quattro ragazzi prescelti per salvare il mondo.


RECENSIONE

Ho avuto la fortuna e la possibilità di leggere questo romanzo poco dopo la sua uscita e l'ho letto in pochi giorni. Nonostante gli impegni universitari cerco di leggere diversi libri e in questo periodo, anzi negli ultimi mesi, mi capitano spesso tra le mani romanzi che leggo a fatica, eppure non è stato il caso di U4 - Koridwen
La storia di Koridwen e di questo mondo invaso dal virus U4 prende sin dalle prime pagine, un po' per lo stile fluido ed accattivante un po' per la serie di eventi narrati che portano il lettore a volerne sapere di più. 
Certo è che da questo libro non riuscivo a staccarmi, ogni pausa era buona per proseguirne la lettura.
Dopo che la protagonista si vede costretta dagli eventi a intraprendere un viaggio, in compagnia del cugino affetto da alcuni problemi, la storia prende sin da subito una piega che richiama un po' lo spirito d'avventura tipico dei viaggi, la protagonista infatti sa dove deve arrivare e sembra disposta a tutto per arrivarci, organizzandosi veramente bene nonostante molti beni siano scarsi a causa del virus e da ciò che ne deriva. 
Koridwen parte e inizia così un viaggio fatto di pericoli, morte, giovani che vorrebbero ucciderla ed altri che, invece, diventano "amici" ed alleati. 
E in tutto questo, lei che è la prescelta per salvare il mondo dal virus, scopre non solo l'amicizia ma anche l'amore, descritto forse in pochi capitoli, ma che lascia quel qualcosa per tutto il resto del libro. Perchè ci si chiede come sarebbe continuata la sua storia d'amore, se ce ne sarebbe stata l'occasione. 
U4 - Koridwen racchiude dentro un'insieme di eventi e situazioni che si concatenano tra loro in modo magistrale e che portano ad un finale, forse da un lato prevedibile, ma dall'altro e al contempo inaspettato... perchè pian piano tutti i nodi vengono al pettine e ogni dubbio e domanda riceverà le sue risposte, molte delle quali non ci si aspetterebbe. 
E quindi si capisce bene come Yves Grevet abbia scritto un ottimo romanzo, non solo per le indubbie capacità narrattive. 


E poi certo... tra i tanti personaggi che Koridwen avrà modo di conoscere ci sono anche gli altri tre ragazzi che costituiscono il resto di questa serie di romanzi autoconclusivi: Jules, Stephane, Yannis. Tutti con un destino diverso da quello di Koridwen, ma con uno scopo uguale: quello di salvare il mondo dal virus.
Ho trovato il romanzo davvero accattivante, piacevole, con un'intreccio che lascia spesso senza fiato perchè ogni scelta di Koridwen, nonostante la sua giovane età, è sempre pensata e adeguata alla situazione. Un romanzo con personaggi ben descritti, coraggiosi anche, e che porta ad apprezzare anche quelli secondari, che magari hanno meno importanza ma che in fondo sono comunque significativi per il corso della storia.
Insomma... ho trovato questo primo libro di U4 davvero bello, con diversi colpi di scena; è stata una lettura che consiglio e che mi fa attendere con impazienza i successivi della serie, curiosa di scoprire, infatti, il punto di vista e la storia degli altri personaggi. 

0 commenti:

Posta un commento